Il Consiglio di Amministrazione di Circle S.p.A. ha approvato la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2021, sottoposta a revisione contabile limitata.


Luca Abatello, CEO e Presidente di Circle S.p.A. ha così commentato i risultati raggiunti nei primi sei mesi del 2021: “Il primo semestre dell’anno è stato del tutto originale, anche in relazione al contesto straordinario che ha visto la coda di una pandemia estremamente pesante e una successiva fase di rimbalzo economico contraddistinta da una ripresa molto decisa pur con fenomeni di shortage e di esasperazione su prezzi dei noli marittimi e delle materie prime.


In questo scenario, siamo molto lieti dei risultati ottenuti, con il Valore della Produzione che è cresciuto del 31% rispetto al primo semestre del 2020. La strategia di lancio dei nuovi servizi “federativi”, che rispondono alla necessità sempre più impellente di una piena ma personalizzata digitalizzazione del mercato della Supply Chain, sta dando risultati importanti sia nel mondo dei grandi player sia per le PMI. Inoltre, nutriamo grandi aspettative per i bandi di gara e progetti cui stiamo partecipando in ambito PNRR & Green Deal (oltre al filone Transizione 4.0), grazie anche alla joint venture Magellan Circle, che ha già ottenuto due commesse notevoli per valore e prestigio: la prima (valore del contratto di circa Euro 818.000) prevede la presenza di Magellan Circle tra i membri del consorzio internazionale del progetto “PIONEERS”, finalizzato a ridurre le emissioni di GHG nei porti e aggiudicatario di 25 milioni di Euro di finanziamento nell’ambito del programma europeo Green Deal Horizon 2020; la seconda di supporto alla Commissione Europea per eventi in Portogallo di Euro 1,8 milioni”.


Principali risultati consolidati al 30 giugno 2021 


Il Valore della Produzione pari a Euro 4,2 milioni, registra un incremento del 31% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente (Euro 3,2 milioni).


Il Gruppo ha infatti provveduto a proseguire nell’implementazione di costanti azioni di efficientamento, oltre a consolidare le sinergie generate con le Società controllate Info.era e Progetto Adele. Tali azioni hanno portato, oltre a ottimizzazioni interne, anche ad una crescita della fornitura prodotti proprietari Milos® del 72% e in generale di Milos®, MasterSped® e MasterTrade® in modalità PPU del 57%.
L’EBITDA è pari a circa Euro 0,74 milioni (Euro 0,4 1H2020) con EBITDA margin di quasi il 18% (12,5% 1H 2020). Dopo aver spesato ammortamenti per circa Euro 0,4 mln, l’EBIT è pari a Euro 0,3 milioni (Euro 0,07 milioni 1H2020), in crescita del 304%.


L’Utile Netto è pari a Euro 0,32 milioni (Euro 0,04 milioni 1H2020) in crescita del 640%. La Posizione Finanziaria Netta attiva (cassa) pari a Euro 2,3 milioni (cassa per Euro 0,6 milioni al 31 dicembre 2021) dopo aver sostenuto investimenti sull’evoluzione prodotti nonché per attività di M&A per € 0,45 milioni. Al forte miglioramento della Posizione Finanziaria Netta hanno contribuito anche i proventi dell’aumento di capitale riservato a investitori qualificati italiani e istituzionali esteri deliberato dall’Assemblea in data 27 maggio 2021.


Il Patrimonio Netto è pari ad Euro 6,8 milioni (Euro 4,4 milioni al 31 dicembre 2020)


Gli Investimenti affrontati nel corso del primo semestre 2021, pari a circa Euro 0,25 (0,4 nel corso del 2020) milioni per la parte immateriale, hanno riguardato principalmente l’evoluzione dei servizi offerti dalle suite Milos® TOS, MTO, all’evoluzione di MasterSped® e allo sviluppo dei nuovi servizi federativi innovativi lanciati nel 2020 da Circle Group, tra cui vanno ricordati quelli relativi alla smaterializzazione delle procedure di security e doganali, nonchè quelli intermodali sempre più strategici in un periodo di riduzione della pandemia.


 Eventi rilevanti successivi al 30 giugno 2021 


Molte le novità successive al 30 giugno, a partire dall’aggiudicazione, insieme a RINA Consulting S.p.A., del Bando di gara lanciato dalla Commissione Europea nel 2020 per supportare la DG MOVE nell’implementazione del Regolamento (UE) 2020/1056 relativo alle informazioni elettroniche sul trasporto merci (eFTI). Per Circle, Il valore del contratto è di circa Euro 210.000.


In data 28 luglio, è stata poi annunciata la partecipazione di Circle a a “Efficacity”, progetto del Programma Operativo Regionale (POR) 2014-2020 cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) il cui obiettivo è migliorare la raccolta porta a porta dei rifiuti ingombranti, agevolando il loro recupero grazie allo sviluppo di un software che ne permetta la catalogazione. Capofila del progetto è AMIU Genova con ALGOWATT S.p.A. 


In data 8 agosto Circle ha reso noto che, attraverso la controllata Magellan Circle, sarà tra i membri del consorzio internazionale del progetto “PIONEERS”, finalizzato a ridurre le emissioni di GHG nei porti e aggiudicatario di 25 milioni di Euro di finanziamento nell’ambito del programma europeo Green Deal Horizon 2020. Per Magellan Circle, che seguirà le attività di “Cross cooperation, Communication & Dissemination”, con la creazione e gestione dei canali di comunicazione digitali, dei materiali promozionali, l’organizzazione di eventi e di iniziative di clustering con altri progetti di rilievo, il valore del contratto è di circa Euro 818.000. 


Settembre ha visto poi l’avvio del progetto pilota con Terminal San Giorgio - TSG (Gruppo Gavio) e CarBox, azienda di Tarros Group attiva nel trasporto di container su strada e rotaia, per la “Notarizzazione” del documento di Interchange, che certifica la merce in entrata/uscita dal terminal genovese. In collaborazione con LegaleSemplice.it, il progetto è supportato da ASSITERMINAL e vedrà a breve ulteriori evoluzioni con l’obiettivo di introdurre una nuova modalità operativa condivisa più efficiente e agile attraverso la progressiva digitalizzazione dei flussi che ad oggi hanno ancora formato cartaceo.


In data 20 settembre Circle ha reso nota l’aggiudicazione con Magellan Circle del Bando di Gara per l’organizzazione e gestione di eventi per la Rappresentanza della Commissione Europea in Portogallo. Il contratto, la cui durata è di 12 mesi con la possibilità di estensione fino a un numero massimo di 3 rinnovi per una durata non superiore ai 48 mesi, ha un valore complessivo di 1,8 milioni di Euro. Due ulteriori risultati, infine, sono meritevoli di menzione: l’accompagnamento di Terminali Italia S.r.l. - controllata di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) che gestisce i terminali merci - all’autorizzazione Magazzino di Temporanea Custodia (TC) presso l’inland terminal di Marzaglia (Modena); e la fornitura di MILOS® a Metrocargo Italia per la nuova gru acquistata dall’MTO per il terminal di Borgo San Dalmazzo (Cuneo).


Evoluzione prevedibile della gestione 


L’attuale scenario, reso articolato prima dalla pandemia da COVID-19 e poi dal rimbalzo economico che però ha comportato una bolla nei noli marittimi, uno shortage e una forte crescita di costo nelle materie prime, rende sfidante fare previsioni di mercato. Ciò premesso, il Management, alla luce dei riscontri avuti da parte degli stakeholder, dei nuovi servizi lanciati per soddisfare la sempre maggiore necessità di accelerazione della digitalizzazione in ambito logistico (Federative Services), nonché delle nuove importanti commesse ottenute nel primo semestre dalla BU Connecting EU, che porteranno a ulteriori sinergie e progetti complementari, resta ottimista sul percorso di sviluppo intrapreso e sulla sua evoluzione.

Sandro Minardi