DICEMBRE 2018 PAG.4 - News dall'Italia



Presentato il primo traghetto a GNL di Caronte & Tourist
Si chiama “Elio” il primo traghetto battente bandiera italiana alimentato a GNL e primo mezzo di questo genere attivo nel Mediterraneo. Realizzato da Caronte & Tourist il ro-pax ferry – lungo 132 metri e largo 21,5 metri, con una capacità di trasporto di 290 autoveicoli e 35 camion, su due ponti, e di 1.500 passeggeri con propulsione bi-fuel e una velocità di navigazione prevista di 15 nodi – sarà impiegato nei collegamenti tra lo Stretto di Messina. L’unità ha visto la luce nell’ambito del progetto europeo GAINN4MOS, al quale il MIT partecipa come beneficiario con il compito di verificare, validare e coordinare le attività dell’iniziativa che si svolgono in Italia. Nel corso della presentazione dell’imbarcazione il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, ha ricordato il recente protocollo d’intesa tra Regione, Eni, Ministero dello sviluppo economico e comune di Gela, che prevede la costruzione di un sito di stoccaggio di LNG “destinato a fornire il gas a quanti vorranno compiere la stessa scelta sociale ed ecologica”.

Noleggio, Ucina e Assilea replicano a Bruxelles
Assilea e Ucina Confindustria Nautica lavorano in collaborazione con il MEF alla lettera di risposta in merito alla comunicazione di messa in mora dell’Italia sulla “corretta riscossione dell’Iva sul noleggio a breve termine”. “Già precedentemente la Commissione Europea aveva chiesto chiarimenti al nostro Paese, che erano stati prontamente forniti,” sottolinea una nota delle due associazioni. “Le norme in materia applicate dall’Italia – continua la comunicazione – sono pienamente conformi al diritto comunitario e anzi, per certi versi, più restrittive di quelle degli altri paesi UE direttamente concorrenti, alcuni dei quali già da tempo sono sotto procedura di infrazione”.

Genova e Ravenna, nuovi sistemi per velocizzare i controlli
È stato attivato presso il PSA Voltri-Pra a Genova lo svincolo telematico per i contenitori in import. Il nuovo servizio nasce dalla collaborazione e dall’allineamento tecnologico tra la Port Community System di Genova, piattaforma gestita da Uirnet, la società terminalista, la compagnia di navigazione CMA CGM e Spediporto. Obiettivo della nuova procedura consiste nella smaterializzazione del Delivery Order cartaceo con la conseguente velocizzazione delle pratiche presso l’Ufficio Merci del terminal. Gli autotrasportatori infatti otranno svolgere in autonomia le operazioni su un PC-totem inserendo un PIN univoco e potendo direttamente accedere al gate in.
Nuovo sistema di controllo delle merci in entrata ed uscita in funzione, invece, presso il Terminal Container di Ravenna. Il dispositivo, nato dalla collaborazione tra Guardia di Finanza, Agenzia delle Dogane ed operatori del Terminal, automatizza il flusso delle merci grazie alla scannerizzazione dei documenti coordinata da una innovativa “sala controllo” a disposizione delle Fiamme Gialle. Attraverso l’immediata visualizzazione del documento inserito dal conducente nello scanner ed i controlli in remoto tramite telecamere, i militari possono rapidamente verificare la regolarità dei documenti e dei mezzi  e, se necessario, svolgere ulteriori approfondimenti.

Blueferries inaugura Trinacria
È stata inaugurata a Messina Trinacria, nuova nave di Blueferries, società del Gruppo RFI per il servizio di traghettamento dello Stretto. Costruita dalla Ocean Freedom Shipping Company in Grecia, la nuova unità è lunga 104 metri, larga 18 metri e si distingue per la maggiore capacità di carico. Ha un ponte dedicato al transito degli automezzi e uno per i passeggeri e potrà trasportare fino a 23 tir o 150 autoveicoli e 400 passeggeri. La nuova nave risponde a criteri di maggiore ecosostenibilità, grazie a minori consumi di carburante (-30%) e riduzione del 50% delle emissioni di CO2. Bluferries ha già esercitato l’opzione per la costruzione di una seconda nave traghetto, gemella di Trinacria, per un ulteriore investimento di 14 milioni di euro. La nuova nave sarà pronta nel 2020 e completerà così il rinnovo della flotta.

Info Brexit sul sito delle Dogane 
L’Agenzia dei Monopoli e delle Dogane ha reso disponibile sul suo sito internet la sezione “Info Brexit” al fine di fornire a fornire informazioni utili agli operatori economici che si occupano di questioni doganali e/o che intrattengono relazioni commerciali con il Regno Unito. “Si tratta –  sottolinea una nota di Fedespedi – di una prima misura che accoglie e da seguito alla richiesta fatta all’Agenzia delle dogane di attivare un canale di comunicazione con gli operatori interessati, perché questi possano accedere alle informazioni necessarie per prepararsi adeguatamente alla Brexit e continuare a svolgere la propria attività in efficienza e senza costi eccessivi anche dopo l’uscita del Regno Unito dal mercato unico europeo”. Fedespedi auspica l’apertura di un tavolo tra Agenzia e rappresentanze associative per accompagnare imprese e operatori durante il periodo di transizione dal marzo 2019 al marzo 2021 che porterà all’uscita definitiva del Regno Unito dal Mercato Unico.

Logistica e portualità, integrazione formativa tra Veneto e Friuli
Veneto e Friuli Venezia Giulia avviano un percorso comune sullo sviluppo delle professioni-chiave  per la portualità nell’Alto Adriatico. Una prima intesa sul tema è stata firmata dai due enti, insieme ai vertici dell’Its Marco Polo di Venezia e dell’Accademia nautica di Trieste per integrare l’offerta formativa degli istituti tecnici di terzo livello (specializzazione post-diploma) per la portualità e la nautica, “con l’obiettivo di garantire al sistema integrato di logistica mare-ferro-gomma dell’Alto Adriatico figure professionali in grado di guidare e accompagnare lo sviluppo della mobilità sostenibile nel sistema portuale e aeroportuale Venezia-Trieste. L’Its-Academy Marco Polo di Mestre metterà in campo tre corsi attivati nel biennio in corso per super-tecnici per la mobilità in ambito marittimo portuale, per la gestione e conduzione dei mezzi ferroviari e quello per la gestione dei flussi logistici e delle catene di distribuzione. Anche la fondazione Accademia nautica di Trieste offre al momento tre corsi, uno per allievi ufficiali di coperta e macchine, uno per supertecnici dell’infomobilità e strutture logistiche e uno per la progettazione e manutenzione navale. I tassi occupazionali ad un anno dal diploma per entrambi i poli formativi sfiorano l’84 per cento.

Infrastrutture ferroviarie, da MIT e RFI 5,7 milioni a La Spezia
MIT e Rete Ferroviaria Italiana hanno assegnato un finanziamento di 5,7 milioni di euro all’AdSP del Mar Ligure Orientale nell’ambito dell’iniziativa “Penultimo e Ultimo Miglio” che ha messo a disposizione risorse complessive per 48 milioni previste dalla legge di Stabilità 2015 e non attribuite ad imprese ferroviarie. Il progetto selezionato da RFI ed elaborato dal settore Progetti Speciali dell’AdSP, riguarda il potenziamento della stazione di La Spezia Migliarina (che insieme a La Spezia Marittima e Santo Stefano Magra fa parte del sistema ferroviario dello scalo spezzino) e, in particolare, la gestione centralizzata di tre binari di arrivo e partenza dei treni merci, nonché la creazione di un’area attrezzata per la manutenzione dei veicoli. Grazie a questo intervento, anche la stazione di La Spezia Migliarina potrà disporre di un binario da 750 metri che si andrà ad aggiungere agli altri due binari con gli stessi standard europei che verranno realizzati a La Spezia Marittima con l’intervento di potenziamento del fascio di binari i cui lavori sono attualmente in corso. Su 116 interventi proposti in tutto il Paese, ne sono stati accolti 28 e un altro è stato messo in stand by in attesa di maggiori approfondimenti. In totale, verranno impegnati 39 milioni di euro sui 48 disponibili per il miglioramento delle connessioni tra porti e terminal intermodali italiani, dove sono presenti i principali poli industriali e logistici del Paese, e la rete ferroviaria nazionale.

Industria nautica, l’ICE punta su Dubai
Nell’ambito delle attività promozionali per il 2019 a favore del settore della nautica da diporto, l’Agenzia ICE sta organizzando una partecipazione collettiva di aziende italiane alla Fiera Dubai International Boat Show, che si svolgerà a Dubai, presso il Dubai Canal, Jumeirah, dal 26 febbraio al 2 marzo 2019. “Gli Emirati Arabi Uniti - sottolinea una nota dell’Agenzia – rappresentano un mercato di riferimento per l’intera area del Golfo, che si caratterizza per l’alto potere di acquisto e l’elevato livello di qualità e personalizzazione delle richieste da parte degli armatori. Nell’area medio-orientale si concentra una buona parte dei proprietari dei più grandi yacht del mondo e, in termini infrastrutturali, l’area sta aumentando esponenzialmente la dotazione di porti turistici”.
La Fiera Dubai International Boat Show svolge da alcuni anni un ruolo importante per la promozione della nautica da diporto nell’area del Golfo.

Servizio Mercitalia da Verona a Bari
Mercitalia Intermodal ha attivato un nuovo servizio diretto tra Verona (Interporto Quadrante Europa) e Bari (Scalo Ferruccio) con una frequenza di due partenze alla settimana in entrambe le direzioni, con resa A/B e A/C. Il servizio offre la possibilità di effettuare da Verona rilanci gateway verso numerose destinazioni nel Nord Europa (Germania, Scandinavia, Belgio, Olanda) come anche collegamenti dal porto di Bari verso il porto greco di Patrasso.

Molo Polisettoriale, via libera a Yilport
Il Comitato di gestione dell’AdSP del Mar Ionio ha accolto la domanda di concessione per la durata di 49 anni del “Molo Polisettoriale” del porto di Taranto, con esclusione della Calata 5 ed aree retrostanti, presentata dalla turca Yilport Holding Inc. del gruppo turco Yildirim. L’AdSP ha comunicato che il via libera è giunto dopo la definitiva valutazione positiva della Commissione Interna Permanente e “in considerazione della rilevanza del proponente e della portata operativa e di mercato della richiesta concessoria tale da far emergere, sotto vari punti di vista, l’evidente concreta opportunità di perseguimento degli interessi pubblici tesi a garantire la più ampia e proficua utilizzazione del Molo Polisettoriale, il rilancio occupazionale, l’incremento dei traffici portuali e della logistica, nonché la valorizzazione delle infrastrutture realizzate e realizzande, nonché del ruolo del porto di Taranto e del sistema portuale italiano nello scenario del Mediterraneo ed internazionale”. Il gruppo Yildirim, che controllata al 100% la Yildirim Holding Inc, è uno dei gruppi industriali in più rapida crescita della Turchia ed è proprietario del 24% del capitale del gruppo armatoriale francese CMA CGM, che è la terza più grande compagnia di navigazione containerizzata al mondo.