MAGGIO 2018 PAG.34 - Alis, riunito a Sorrento il mondo del trasporto



Le grandi imprese, i porti italiani, le società di trasporti e dell’intermodalità per rimettere l’Italia in movimento. Da Sorrento partono nuove opportunità per la logistica del Paese. Presso l’Hotel Hilton Palace i principali operatori del popolo dei trasporti, chiamati a raccolta da Alis, hanno affrontato i grandi temi del settore e si sono confrontati sui nuovi progetti e sullo sviluppo di modalità di trasporto sempre più sostenibili ed efficienti, in grado di dare uno slancio all’economia italiana. Un nutrito programma e relatori d’eccezione in grado di contribuire realmente alla crescita del nostro Paese. A dare il via alla “Due giorni di Alis” è stato il Sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, alla presenza dei Presidenti delle principali Autorità dei Sistemi Portuali e dei vertici delle maggiori aziende ed organizzazioni del settore quali IRU, UNRAE, ENI, Confitarma, ecc. Più di 30 sono stati i relatori riuniti ad una tavola rotonda moderata dagli autorevoli Bruno Vespa, Alfonso Ruffo, Sergio Luciano e Angelo Scorza.

L’evento si è articolato in 5 sessioni venerdì 27 aprile e 2 nella giornata di sabato 28.
Un’opportunità che le principali aziende di trasporto e logistica del nostro paese hanno colto, insieme alla presenza delle principali istituzioni, autorità italiane ed europee e a nomi di prestigiose banche ed imprenditori di successo.

I lavori si sono aperti con la Prima Sessione Istituzionale moderata da Sergio Luciano, giornalista di Panorama Economy, che ha introdotto il panel “Internazionalizzazione e Mediterraneo - Il trasporto sostenibile come chiave di successo per le aziende europee” con gli interventi di Marcello Di Caterina, Direttore Generale Alis, che ha dato il suo autorevole contributo sulle priorità e le misure da adottare per lo sviluppo di un sano trasporto sostenibile. La sessione è continuata con gli interventi di Zeljiko Jeftic, Global Innovation Lead IRU, Franco Fenoglio, Presidente UNRAE, Wolfgang Gobel, Presidente ECG, Mario Resca, Presidente Confimprese e Francesco Rotondi, Founding Partner LabLaw.

A seguire il primo panel istituzionale con Guido Grimaldi, Presidente di Alis Associazione Logistica dell’Intermodalità Sostenibile, presentato da Bruno Vespa, ha introdotto il grande tema del convegno. “Il principale obiettivo di questo grande evento – sottolinea Grimaldi – è lo sviluppo dei trasporti e la grande scommessa dell’intermodalità, la crescita su scala internazionale e il rispetto dell’ambiente attraverso lo sviluppo di un trasporto sostenibile ed efficiente. Alis rappresenta le esigenze dell’intero settore dei trasporti e della logistica ed è l’espressione di una Italia in movimento. Tutti insieme siamo una forza capace di dare risposte concrete al settore della logistica intermodale, espressione di un Paese che vuole promuovere lo sviluppo del trasporto combinato ecosostenibile.”

La Seconda Sessione dal titolo “Italia in movimento - Prospettive di sviluppo per il nostro Paese attraverso una logistica sostenibile ed efficiente”, moderata da Bruno Vespa, ha visto tra gli altri, l’intervento del Capo Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Beatrice Covassi.
Sono intervenuti Emanuele Grimaldi, Vice Presidente ICS, Ennio Cascetta, Amministratore Unico RAM Spa, Paolo Grossi, Direttore Commerciale ENI, Mario Mattioli, Presidente Confitarma. A concludere la Terza Sessione moderata da Bruno Vespa, “Aziende e banche a confronto - Sistema bancario e trasporto 4.0 per il rilancio dell’imprenditoria italiana” con interventi di Diego Pacella, AD e CFO Grimaldi Group, Bernardo Mattarella, AD Mediocredito Centrale, Alberto Bertone, Presidente Acqua Sant’Anna Spa, Jacopo Lensi, Vice Capo Divisione Settore Pubblico Infrastrutture Italia BEI, Pasquale Casillo, Presidente Casillo Group e Giovanni Maione, General Manager Area Sud e Sicilia MPS.

Sabato 28 Aprile i lavori sono ripresi con altre due sessioni dall’impronta decisamente tecnico istituzionale dedicate alla portualità e agli interporti con un’introduzione dello Studio sull’evoluzione ed i benefici del trasporto intermodale. “Rafforzare le sinergie con gli operatori e condividere proposte e programmi per lo sviluppo dei sistemi di trasporto e logistica - ha detto Guido Grimaldi – è uno dei principali obiettivi di Alis che conferma l’importanza dello sviluppo di una intermodalità sostenibile in Italia quale strumento essenziale per il rilancio economico dell’intero Sistema Paese.”
Si sono affrontate tematiche del settore che riguardano le sinergie con i diversi interporti che giocano un ruolo fondamentale nel conseguimento degli obiettivi dell’associazione a beneficio delle imprese di trasporto intermodale.

“Il ruolo degli interporti aderenti ad Alis è strategico nel disegno della logistica italiana ed europea – ha ribadito Guido Grimaldi Presidente Alis – e la presenza all’evento dei massimi esponenti delle Autorità dei Sistemi Portuali ne è la dimostrazione.”
Una giornata, quella di sabato, interamente dedicata al mondo dei porti e interporti con 2 sessioni dall’impronta decisamente imprenditoriale.

Dopo un’introduzione a cura dell’Ing. Paolo Guglieminetti di Price Water House Coopers Advisory Spa sull’evoluzione ed i benefici del trasporto intermodale, la successiva tavola rotonda ha visto la IV Sessione con il panel dedicato agli Interporti e la necessità di mettere a sistema le diverse galassie, moderata dal giornalista di Panorama Econony Alfonso Ruffo. Tra i relatori di spicco Marcello Di Caterina, Direttore Generale Alis, Matteo Gasparato, Presidente Interporto Quadrante Europa – Consorzio ZAI, Amedeo Lepore, Assessore Attività Produttive Regione Campania, Rocco Guido Nastasi, Presidente Interporto Toscano Amerigo Vespucci, Antonio Parente, Direttore Generale per il trasporto stradale e per l’intermodalità, Enrico Maria Pujia, Direttore Generale per il trasporto e le infrastrutture ferroviarie e Marco Spinedi, Presidente Interporto di Bologna.

La V Sessione è stata dedicata alla Portualità e al ruolo fondamentale dei porti per un rilancio del nostro Paese, moderata dal Direttore di Ship 2 Shore Angelo Scorza. Un panel decisamente strategico con la presenza del Presidente Alis, Guido Grimaldi, a confronto con i Presidenti di 10 Autorità di Sistema Portuale: Pasqualino Monti, AdSP Mare di Sicilia Occidentale, Paolo Emilio Signorini, AdSP Mar Ligure Occidentale, Andrea Annunziata, AdSP Mar di Sicilia Orientale, Sergio Prete, AdSP Mar Ionio, Stefano Corsini, AdSP Mar Tirreno Settentrionale, Antonino De Simone, AP Messina, Massimo Deiana, AdSP Mar Di Sardegna, Francesco Maria Di Majo, AdSP Mar Tirreno Centro Settentrionale, Pino Musolino, AdSP Mar Adriatico Settentrionale e Ugo Patroni Griffi, AdSP Mar Adriatico Meridionale. Sono intervenuti anche il Presidente del RINA Ugo Salerno e il Direttore Generale per la Vigilanza sulle Autorità Portuali, le infrastrutture portuali ed il trasporto marittimo e per vie d’acqua interne Mauro Coletta.

Il Presidente Alis Guido Grimaldi ha, nei giorni successivi a Sorrento, espresso vivo compiacimento alla notizia sull’istituzione della zona economica speciale della Campania.
“La creazione della Zona Economica Speciale della Campania è un provvedimento di rilevante importanza strategica che ha registrato la nostra fattiva collaborazione e che ci vede convinti attori in un sistema dove la concertazione tra pubblico e privato è essenziale per il rilancio del Mezzogiorno”. La firma da parte del Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni del decreto per l’istituzione in Campania delle Zone Economiche Speciali (ZES), prevede che le imprese che effettueranno programmi di investimento in queste aree potranno godere di benefici fiscali attraverso un’estensione dell’importo previsto con il credito d’imposta per il Sud.

“Posso assicurare sin d’ora – ha detto ancora il Presidente di ALIS – che molte aziende nostre associate intendono utilizzare tale strumento per investire nell’area campana. Pertanto rinnoviamo il nostro plauso al Governo ed alla Regione Campania, dichiarandoci da subito pronti ad ulteriori forme di collaborazione per la crescita e lo sviluppo del territorio e delle imprese che vi operano, consci che solo azioni sinergiche come queste possono produrre effetti positivi e propulsivi per l’economia reale”.
Carolina Sinnopoli