feb 2018 pag 22 - Propeller Mantua a supporto del Distretto Logistico





Rinnovare, anzitutto, l'interesse attorno a questo settore dell'economia, poco conosciuto, malgrado sia di importanza primaria per la vita di un paese è una delle nostre mission. Cosi possiamo affermare che abbiamo contribuito attivamente alla crescita innovativa del nostro territorio anche attraverso le iniziative, quali l’organizzazione di incontri, convegni, momenti di confronto ed aggiornamento, nonché la partecipazione a fiere di settore, come la “Fiera della logistica di Monaco di Baviera”, od altre iniziative a livello culturale, tra cui il supporto all’attività delle nostre scuole.
La Comunità Europea ha riconosciuto la strategicità del sistema portuale mantovano attraverso l’inserimento della rete di navigazione interna Milano - Venezia nelle “core network” ovvero nella parte strategica delle reti trans europee TEN-T. L’inserimento in tali priorità infrastrutturali consentirà di accedere a nuovi finanziamenti comunitari nei prossimi 10 anni solo su progetti innovativi e coerenti con le strategie previste. Oggi arrivano a Mantova via canale navigabile, per tutti i giorni dell’anno, chiatte con 1750 tonn. di merci senza limitazioni oppure con container per 60 TEU. Ciò smentisce il tema dell’impraticabilità della navigazione interna nella valle Padana. La funzionalità del Distretto Logistico connesso al Porto, appena completato nella sua seconda parte, è stata dimostrata, pur in tempi di crisi, sia dall’insediamento di nuove aziende sia dallo sviluppo di nuovi traffici anche ferroviari.
Occorre pertanto che gli enti ed i soggetti delle rappresentanze professionali cerchino di articolare una politica di promozione e di servizi basata su informazioni concrete ed aggiornate attraverso le quali far conoscere ciò che già funziona aiutando anche il sistema delle imprese nella presentazione delle nuove opportunità di traffico e gli obbiettivi di sostenibilità ambientale raggiunti.
L’azione del Propeller Club di Mantova vuole riportare l'attenzione sul "distretto"  giunto a contare oltre 60 aziende a prevalenza logistica con circa 900 addetti, movimentando milioni di tonnellate di merci comprese quelle della via di navigazione fluviale. In esso si trovano servizi specialistici che si inseriscono in importanti nicchie di mercato, ritagliandosi un proprio spazio ed identità particolari che gli permettono di crescere malgrado sia attorniato da realtà, quali Verona, Brescia, Bologna e Modena.
Mi preme mettere in evidenza anche quanto il nostro Club abbia contribuito ad apportare le proprie idee alle istituzioni ad ogni livello (Ministero dei Trasporti, Regione Lombardia, Provincia e Comuni) aprendo dialoghi e discussioni che  potessero coadiuvare le scelte politiche verso le migliori soluzioni nell'ambito della logistica e della navigazione interna. Riteniamo fondamentale che le istituzioni si approprino del proprio ruolo di catalizzatori di uno sviluppo economico che passi attraverso piani strategici condivisi, che siano sostenibili e  amplifichino le potenzialità delle strutture e delle aree disponibili avendo chiare le sue tipicità e le aziende che già le compongono o che potrebbero aggiungersi.
Siamo sostenitori della formazione di un "comitato di distretto" che raggruppi Istituzioni, Comune e Provincia con Associazioni di categoria, Camera Commercio e le aziende del territorio. Uno strumento che sarebbe utile per affrontare i  vari problemi che si riscontrano a livello politico, con la frammentazione delle competenze istituzionali, così come indirizzare strategie comuni nei rapporti con autorità interessate a collaborazioni, quali il Porto di Venezia, l'Interporto di Quadrante Europa o nella promozione commerciale del comparto e così via.
Il Club ha aperto un sito nel quale si possono trovare le attività svolte ad alcuni documenti utili: http://propellerclubmantova.blogspot.it.

Claudio Lupi
Presidente Propeller Club Port of Mantua